Cover by Alice Valenti

Il nuovo album di Giacomo Sferlazzo

dedicato a Pasquale "U Pachinu" De Rubeis

Approfondimenti, immersioni e divagazioni sui brani di Arrispigghiativi

OTTOBRE

 

play 2.jpg

U mari nun havi curpi 

ascolta

testo di Giacomo Sferlazzo

musica di Jacopo Andreini e Giacomo Sferlazzo

U mari nun havi curpi, nunn'hannu curpi l'ondi, ca supra e scogghi i varchi fisciru fracassari.

Nun havi curpa u ventu, nunn'hannu curpa i pisci, ca di li vostri carni ora saziati sunnu.

Ora vuatri ca di lu funnu di lu mari fasciti anchianari na vusci di silenziu. Vuatri ca siti vistuti di arghi e stelli marini cantati paroli muti.
 
Vuatri certi paroli comu: giustizia, riscattu, peggiu ancora vendetta, nun ni capiti chiù, sti paroli ni lassati a nuatri ca scircamu supra sta terra n’apigghiu pon vulari n'zemmula a stu duluri, i vostri matri chianceru n'autru mari, n'autra partorenza aspetta u munnu, un partu senza duluri, pirchi vuatri siti a simenza di la terra nni l'acqua e ci ricuradati e naviganti com'è dusci e pericoloso stari allianati supra all'azzurru.


U mari nun havi curpi, nun havi curpa a varca ca ora è lignu ruttu con n'avi chiù na forma.

Nun havi curpa a pioggia, nunn'hannu curpa i chiova ca si scipparu comu na persica matura.


E dunni sunnu li vostri assassini ca mancu li facci vui canusciti, dormunu, dormunu quieti.

Nuatri invesci di sonnu nunn'avemu e di notti co vostru pinseru u mari sempri, sempri taliamu.

Il mare non ha colpe, non hanno colpe le onde che sopra gli scogli le barche hanno fatto fracassare.

Non ha colpa il vento, non hanno colpe i pesci che della vostra carne adesso sono sazi.

 

Adesso voi dal fondo del mare fate salire una voce di silenzio. Voi che siete vestiti di alghe e stelle marine cantate parole mute.

 

Voi certe parole come: giustizia, riscatto, peggio ancora vendetta non le capite più, queste parole ce le lasciate a noi che cerchiamo sopra la terra un appiglio per non volare insieme a questo dolore, le vostre madri piangono un altro mare, una altro parto aspetta il mondo, un parto senza dolore, perché voi siete il seme della terra nell'acqua e ricordate ai naviganti com'è dolce e pericoloso stare distratti sopra l'azzurro.

 

Il mare non ha colpe, non ha colpe la barca che adesso è legno rotto che non ha più una forma.

Non ha colpa la pioggia, non hanno colpe i chiodi che si sono staccati come pesche mature

 

E dove sono i vostri assassini che non conoscete neanche le loro facce, dormono, dormono quieti. Noi invece non abbiamo sonno e di notte pensando a voi il mare sempre guardiamo.

 

5 U MARI UNNAVI CURPI.jpg

Il 7 settembre del 2012 nei pressi di Lampione naufragava una barca con a bordo persone provenienti dalla Tunisia. 56 i superstiti, alcuni corpi sono stati ritrovati in mare e molti i dispersi. Ad un anno dal naufragio di Lampione alcune iniziative sono state fatte in Tunisia e Sicilia per ricordare il triste evento e il fatto  che molte famiglie ancora non hanno notizie certe sui loro cari ancora dispersi.  Il mio contributo fu una canzone che scrissi per l'occasione ed un video realizzato a Lampedusa con Veronica Citi e Jacopo Andreini. Il 3 Ottobre del 2013 si verificò a pochissima distanza alle coste dell'isola un naufragio di dimensioni mai viste, sia per il numero di morti che per l'impatto mediatico e politico.

 

Con il collettivo Askavusa abbiamo realizzato un'inchiesta che racconta ed analizza i fatti accaduti il 3 Ottobre 2013 individuando le conseguenze politiche ed economiche legate all’uso distorto che la propaganda di regime ne ha fatto. Il documento è stato scritto a partire dalle testimonianze dei primi soccorritori e di alcuni sopravvissuti, molte delle quali sono state ignorate o scarsamente prese in considerazione dalle indagini ufficiali. Questo dossier accompagna la video inchiesta “Lampedusa 3 ottobre 2013. I giorni della tragedia” prodotta da Libera Espressione e viene pubblicato qui come approfondimento del brano "U mari nun havi curpi".

VAI AL DOSSIER E ALLA VIDEO-INCHIESTA

disegno di Francesco Piobbichi

Il figlio di Abele